STORIA

E’ per iniziativa di mio padre, Paolo Tilche, architetto e designer, e della sua giovane moglie Anna, diplomata all’Accademia di Brera, che nel 1955 nasce Arform.

Fin da subito inizia un importante lavoro di ricerca, in Italia ed all’estero, di oggetti per la casa di raffinato design.

Arriveranno le lampade di Noguchi dal Giappone, i vetri di Niederer dalla Svizzera, le scimmie di legno di Kay Bojesen dalla Danimarca; più avanti Marimekko dalla Finlandia, e tanti altri; alla ricerca Arform affianca fin da subito una propria produzione di complementi di arredo e mobili, disegnati da Paolo Tilche.

Questo mix ha fatto diventare Arform molto presto un punto di riferimento importante per una vasta e raffinata clientela.

La Milano del dopoguerra e del boom degli anni ’60…quella che con ottimismo costruiva il presente e guardava al futuro…!!

In questo fortunato contesto è cresciuta l’iniziativa di Arform, che si è contraddistinta per non aver mai rincorso le mode effimere; è stato il gusto sicuro dei miei genitori il faro che ha caratterizzato l’unicità di Arform.

 

 

Luca Tilche